Ho letto in Arabo I 

1.Via col vento / Romanzo di Margaret Mitchell

Via col vento / Romanzo di Margaret Mitchell
  1. Cent’anni di solitudine / Romanzo di Gabriel García Márquez
Cent’anni di solitudine / Romanzo di Gabriel García Márquez
  1. L’amore ai tempi del colera / Romanzo di Gabriel García Márquez
L’amore ai tempi del colera / Romanzo di Gabriel García Márquez
  1. La figlia della fortuna / Romanzo di Isabel Allende
    La figlia della fortuna / Romanzo di Isabel Allende

  2. Un eroe del nostro tempo/ Romanzo di Michail Jur’evič Lermontov

Un eroe del nostro tempo/ Romanzo di Michail Jur’evič Lermontov

6.L’idiota / Romanzo di Fëdor Dostoevskij

L’idiota / Romanzo di Fëdor Dostoevskij
  1. Delitto e castigo / Romanzo di Fëdor Dostoevskij

Delitto e castigo / Romanzo di Fëdor Dostoevskij

8. I demoni / Fëdor Dostoevskij

I demoni / Fëdor Dostoevskij

9. Il segno sul muro / Virginia Woolf 

Il segno sul muro / Virginia Woolf

Corsi di Arabo I ciclo 2016/2017

Le iscrizioni sono aperte per i seguenti corsi:

  1. Corso per principianti A1.2 (Gruppo II: Sabato 12:00 – 14:00)
    Partenza: 08/10/2016
    Costo: 250 € (è possibile effettuare il pagamento in due rate)
    Posti disponibili: 3
    Durata: 30 ore / ogni lezione è di 2 ore /ogni sabato dalle 12:00 alle 14:00)
  2. Corso per principianti A0 (Gruppo I: lunedì 18:00 – 20:00)
    Partenza: 03/10/2016
    Costo: 250€ (è possibile effettuare il pagamento in due rate)
    posti disponibili: 2
    Durata: 30 ore / ogni lezione è di 2 ore /ogni lunedì dalle 18:00 alle 20:00)
  3. Corso intermedio B2.1(Gruppo I: mercoledì 11:00 – 13:00)
    Partenza: 05/10/2016
    Costo: 250 € (è possibile effettuare il pagamento in due rate)
    Posti disponibili: 2
    Durata: 30 ore / ogni lezione è di 2 ore /ogni mercoledì dalle 11:00 alle 13:00)
    per maggiori informazioni contattateci tramite:
    pagina ufficiale: Faccio l’Insegnante di Arabo
    https://www.facebook.com/narangaranciaamara/
    e-mail: yassar@hotmail.it
    cell. 3338168311

https://www.facebook.com/events/1798828510333389/

 

NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE L’ARABO

#Arabo #Lingua_Araba
Testimonianza (2 )
Antonia Laterza : Ho deciso di studiare l’arabo perché mi sono innamorata del Libano e dei suoi abitanti, quasi 10 anni fa , durante un primo viaggio a cui ne sarebbero seguiti un’altra ventina. Il Libano è stata una porta che mi ha fatto entrare in un mondo prima a me sconosciuto, quello dei paesi del Medio Oriente e della loro storia e cultura. Ho deciso di studiare antropologia e specializzarmi in Medio Oriente e accostandomi agli usi e ai costumi mi sono inevitabilmente avvicinata alla lingua che mi ha subito affascinata. Soprattutto per i suoni, così nuovi e forti.
Credo che ognuno di noi possa avere affinità diverse con le lingue basate sulle persone che si incontrano che parlano quella lingua, sul suono che può risultare dolce o ostico a seconda di chi ascolta e non per ultimo, spesso, agli stereotipi che abbiamo sulla cultura che viene espressa tramite quelle parole. Così, lo ammetto, sicuramente all’inizio sono stata anch’io vittima del fascino ‘orientalista’ (le stampe del deserto, i profumi dell’ambra, la danza del ventre e via dicendo). Ma poi, col tempo, e con lo studio, penso di aver imparato ad apprezzare la magia dell’arabo, la sua differenza dall’italiano nell’essere, a mio avviso e per la ancora limitata conoscenza che ne ho, una lingua più pragmatica, più assimilatrice e al tempo stesso più ‘poetica’, a tratti quasi infantile – ma in modo bello.
Dell’arabo tuttavia il mio rimpianto maggiore è quello di non conoscere nessuno dei dialetti a fondo ma solo l’arabo moderno o ‘standard’ come viene spesso definito. Una cosa è parlare la lingua di tv, banchi di scuola e giornali e una cosa quella viva delle strade, delle case… Il bello però è che, dopo un’iniziale scoglio fonetico e morfologico dovuto al diverso alfabeto e al modo di legare le lettere, il processo di apprendimento non è poi così difficile, anche se a sentirlo parlare inizialmente può sembrare un universo a parte. Da qui l’espressione italiana ‘è come se parlassi arabo per me’ per intendere che non si è compreso nulla di un discorso – cosa che mi diverto a smontare ogni volta che viene tirata fuori!
Penso che l’arabo sia una lingua polimorfa, dai diversi dialetti e influenze che ha sviluppato e acquisito nel tempo fino alle diverse pronunce e all’arabo scritto e l’arabo parlato… ecco, forse anche questo mi attira così tanto. L’idea che non si finisca mai di imparare.
Dicono che il libanese sia un dialetto molto ‘dolce’. Sarà che è il primo arabo che le mie orecchie abbiano mai ascoltato davvero.

IMG_1711

DALLA DANZA ALLA LINGUA

Testimonianza (3) Dalla Danza alla Lingua #Arabo
Nicoletta Zocca: Fin dall’infanzia, il Mondo Arabo ha rappresentato per me fonte di curiosità e di mistero:dalle fiabe alla geografia, dalla Religione ai racconti di viaggio, dalla lettura al cinema, dal Costume alla danza. Sono trascorsi i miei primi 50 anni con una costante: il fascino per una cultura che mi appariva remota, irraggiungibile, drammaticamente ancorata al passato.
Poi nella vita accade qualcosa che avvicina la realtà alle idee e si materializzano voci e volti che introducono a nuovi percorsi e il Mondo remoto si avvicina, entra nel mio tempo, riveste l’attualità più esasperata e si decodifica per aiutarmi nella Sua comprensione.
Mi sono avvicinata allo studio del Medioriente quando le mie gambe ormai fiaccate da decenni di danza classica hanno incontrato la magia della danza del ventre. Le odalische che popolavano i miei sogni di bambina venivano a me offrendo veli e sagat, spade e spogliavano i miei piedi delle costrizioni delle scarpe per consegnarmi il rapporto con la terra, la Madre Terra alla quale radicare immagini e destino.
Dalla danza alla lingua: nasce in me il desiderio di poter comprendere, leggendo da destra a sinistra incomprensibili segni pieni di punti sopra e sotto, “apostrofi” e barrette. Ho iniziato a studiare la lingua araba sotto la guida della prof. Hilin Yasar Abbas, docente oltremodo qualificata e competente che ha consolidato la mia convinzione della bellezza di questa lingua e della sua utilità in un mondo vieppiù complesso per i difficili equilibri geopolitici e la necessità di integrazione di popoli del vicino e medio Oriente, anche al fine di scongiurare pregiudizi e false credenze.art-design-decorazione-della-casa-del-vinile-parole-calligrafia-araba-tatuaggio-autoadesivo-smontabile-della-parete-decorazione

LA VERA BELLEZA DELLA LINGUA ARABA

Testimonianza (2) #Arabo
Flavia Cascarino: Mi è stato chiesto di rispondere alla domanda: perché ti piace la lingua araba? Bhe, non c’è una vera è propria risposta davanti alle passioni.
Una volta che si comincia a studiare l’arabo è difficile tornare indietro, è una “specie di colpo di fulmine”. È una lingua che finisce per farsi amare anche da chi all’inizio è incerto. Non saprei ben dire quali sono le ragioni di ciò; forse perché è una lingua talmente diversa da qualunque altra siamo abituati a sentire, così ricca articolata e precisa, che stimola la nostra curiosità; forse perché i suoi suoni particolari e il caratteristico alfabeto inevitabilmente richiamano alla mente immagini fantastiche da “mille e una notte” facendo viaggiare la fantasia; forse perché è una lingua romantica: in arabo esistono almeno sessanta modi per dire ti amo, contrariamente a quello che si può pensare è una lingua dolcissima e chi studia arabo lo sa; forse diventa semplicemente una sfida con se stessi.
Io ho iniziato a studiare l’arabo all’università e ho finito per restare talmente incantata da questa lingua, da volerne conoscere ogni segreto. C’è da dire che sono sempre stata affascinata dalla cultura araba e ben presto ho cominciato a capire che solo conoscendone il linguaggio puoi nutrirti di tutta la sua essenza. Chiunque abbia voglia di comprendere un po’ più a fondo il Medio Oriente in generale, deve necessariamente tenere in considerazione l’aspetto linguistico.
ad ogni modo, per cercare di rispondere il più esaurientemente possibile alla domanda che mi è stata posta, vorrei sottoporre alla vostra attenzione questo breve articolo, che spiega molto meglio di quanto sarei mai in grado di fare io la vera bellezza della lingua araba:
http://arabpress.eu/n-d-f-r-d-soggettivita-resisti/img_0884

CORSI PREPARATORI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA LINGUA ARABA ILA

#NOVITA#CORSI_ARABO 2016-2017 #ILA

#promuovereLinguaAraba# CORSI PREPARATORI PER L’ILA, #CERTIFICAZIONE DELLA #LINGUA_ARABA

Avete studiato l’Arabo a lungo e volete un riconoscimento statale e ufficiale del vostro livello?

Ora si può.

FACCIO L’INSEGNANTE DI ARABO OFFRE CORSI PREPARATORI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA LINGUA ARABA, ILA : LIVELLO A1, A2.
“ILA, Certificazione della Lingua araba
Il 25 febbraio 2016 a Milano nasce l’ ILA, la prima certificazione in assoluto della lingua araba in Italia che si attiene ai criteri e ai canoni stabiliti dalla Comunità Europea con il QCER (Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue).
La lingua araba è sempre più presente nei contesti professionali e formativi del nostro Paese e certificarne il livello di conoscenza sta diventando un’esigenza pressante.
Inoltre, questo passaggio mette la lingua araba per la prima volta sullo stesso piano di tutte le altre lingue che hanno già una certificazione internazionale”
PER ORA , GLI ESAMI UFFICIALI PER L’ILA SI SVOLGONO A MILANO presso Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline.
ANDATECI PREPARATI!
locandina-ilaila-1

Studiare l’Arabo è magia

Testimonianza (1) #Lingua_Araba Mariarosa Francescone: STUDIARE ARABO È MAGIA!!!E’ un mondo a sé, la storia di un popolo intelligente, attento, è una lingua colma di sfaccettature, con i suoi 28 bellissimi ed elegantissimi grafemi (lettere), con le vocalizzazioni, le vocali brevi e lunghe, con le regole, come quella dei “ cinque nomi “, (affascinante eh..?), con la simpaticissima “ hamza ” (ء)..perché l’arabo è anche simpatia,nello studio, ancor meglio se si approccia con l’ausilio di un insegnante..il fai da te, a mio avviso, potrebbe essere anche necessario, ma non sufficiente..ci sono dettagli che solo un insegnante può fornirti e ti resteranno per sempre.Ad esempio i 13 pronomi, tra cui il “ duale “, le frasi verbali e nominali, i “ casi “, nozioni queste che, insieme ad un insegnante, riusciamo ad apprendere più facilmente e velocemente, divertendoci!E’ la mia quarta lingua, la studio da due anni e l’adoro sempre più!Dopo aver iniziato non si riesce a smettere..ti travolge e ti appassiona incredibilmente..provate per credere, anzi..mi piacerebbe avere un vostro riscontro già solo dopo una prima lezione, per me è stato proprio così!Ho iniziato per curiosità e perché no..anche per mettermi alla prova..beh, è stata una delle più intense soddisfazioni che potessi ricevere!E’ una lingua intuitiva e molto precisa, segue una logica lineare, a discapito di quanto si possa immaginare, basta solo prenderci la giusta confidenza.Ora inizierò anche a specializzarmi in un dialetto..ti fornisce davvero una marcia in più, di curriculum e di vita!Certo è complessa, ha una morfologia articolata, di una precisione quasi matematica, e questo è forse l’aspetto più ostico, ma la sua regolarità permette una corretta assimilazione e soprattutto una pazzesca mobilitazione delle nostre capacità intellettive..! E’ un viaggio e, come tutti i viaggi, necessita di un adeguato bagaglio, prontezza alle novità, richiede la giusta predisposizione mentale e impegno, è una lingua fonetica,ha suoni forti, gutturali, perciò necessita molto allenamento, ma del resto..cosa nella vita non richiede dedizione..??Non esistono obiettivi, né risultati che si possano raggiungere senza congruo sforzo..e poi…la gioia dell’insegnante che si congratula con te perché hai acquisito possesso e padronanza non ha eguali!Sono molto entusiasta e mi diverto a leggere i testi, a scrivere con la “ mia ” grafia (perché anche in arabo si può), ad ascoltare audio e tradurre la mia quotidianità “ giocando ” con il vocabolario!Ti apre la mente, ti coinvolge a pieno, altrimenti non sarebbe propria del popolo dei numeri e non perché li abbiano inventati loro, bensì perché sono riusciti a capire la reale rivoluzione scientifica circa lo “ zero ”…E..lo sapevate che sono stati gli arabi a fondare la medicina occidentale..? Come..? Eccellendo grazie ad un banalissimo motivo, poiché già ben otto secoli fa i medici arabi praticavano l’autopsia, sviluppando così conoscenze molto precise sull’anatomia umana. Questo e tanto altro sapere vi aspetta in tale misterioso mondo..!Che dire signori..a questo punto..non sarebbe magico anche per voi poter rispondere con un caloroso “SIIIII “ alla domanda… “ ..Ma..PARLO ARABO..? ”E ALLORA… BUON ARABO A TUTTI DA

مريم (MARY ) !!!
Calligrafia: Muoneer Al-Shaarani
img_3479